logo fondazione cesare pavese web
Pavese Festival 2022

Pavese Festival 2022: il programma

A settembre torna il Pavese Festival prima a Santo Stefano Belbo e poi, per la prima volta, a Brancaleone: ecco il programma completo di questa edizione.

  “Tu sei come una terra / che nessuno ha mai detto.”

È questo verso tratto da una delle poesie della raccolta La terra e la morte il filo conduttore del Pavese Festival 2022, che con a diversi linguaggi – musica, arte, teatro, letteratura, performance – e grandi ospiti – Neri MarcorèCristina DonàFiorella MannoiaOmar Pedrini e Alessandro Haber  racconterà la figura femminile nell’opera pavesiana.

Ti aspettiamo da giovedì 8 a domenica 11 settembre e poi ancora martedì 13 settembre a Santo Stefano Belbo, e sabato 17 settembre 2022 a Brancaleone, il paese calabrese in cui Cesare Pavese fu confinato. Nel frattempo puoi immergerti nelle atmosfere pavesiane leggendo e commentando la trilogia della Bella estate sulla app per il social reading Betwyll: scopri come partecipare

Il Pavese Festival 2022 verrà presentato martedì 6 settembre alle 18 alla libreria laFeltrinelli di Piazza C.L.N. a Torino dal direttore, Pierluigi Vaccaneo, e dal presidente della Fondazione Cesare Pavese, Laura Capra, sindaco di Santo Stefano Belbo

Qui il programma completo, giorno per giorno.

Giovedì 8 settembre

Inaugurazione della mostra “Sei di sangue e di terra” che omaggia la ricerca di Paolo Spinoglio – l’artista dei “visi che sorridono senza occhi” – a vent’anni dalla sua scomparsa. Una mostra che attraverso la figura femminile vuole suggerire un dialogo tra la poesia di Pavese – il titolo è un verso tratto da Anche tu sei l’amore – e la scultura di Spinoglio: tanto essenziali quanto potenti nella loro capacità di scandagliare il segreto intimo della nostra umanità. La mostra si completa con un gruppo di disegni, spesso legati alle sculture esposte: fogli chiaroscurati, animati da vivide figure umane, colte nei gesti della meditazione e della fatica. Prenota il tuo posto

Con From C. to C. Poems by Cesare Pavese translated by Beppe Fenoglio, il professor Valter Boggione propone una lectio dedicata alle traduzioni fenogliane delle poesie di Pavese, con letture di Laura Della Valle. Evento organizzato in collaborazione con il Centro Studi Beppe Fenoglio nell’anno del centenario della nascita dello scrittore. Prenota il tuo posto

Sul palco di Piazza Umberto I tornano le parole e la musica di Neri Marcorè, accompagnato da Domenico Mariorenzi. Quest’anno il poliedrico attore marchigiano porterà in scena La fragile illusione dell’amore. Le donne di Cesare Pavese, un reading musicale tratto dall’omonimo testo curato da Giovanna Romanelli. A sottolineare il legame d’affetto che lo lega a Santo Stefano Belbo, dove è stato ospite del Pavese Festival per quattro anni consecutivi, Marcorè riceverà la cittadinanza onoraria dal sindaco Laura Capra. Prenota il tuo posto

Venerdì 9 settembre

Nel borgo vecchio, il giardino di Casa Cecilia ospita Happy Birthday, Cesare!, uno studio per uno spettacolo teatrale sulla memoria e sull’oblio liberamente ispirato a La luna e i falò, con Luigi D’Elia e la regia di Roberto Aldorasi. Prenota il tuo posto

Casa Cecilia – Via Marconi, 56

Lo scrittore Omar Di Monopoli presenta il libro Brucia l’aria – un gotico meridionale aspro e potente in cui noir e western confluiscono – in dialogo con Carlo Borgogno della libreria Milton di Alba e Daniela Bussi, referente della Biblioteca Civica “Cesare Pavese” di Santo Stefano Belbo. Prenota il tuo posto

Casa Cecilia – Via Marconi, 56
Aperitivo a seguire

Cristina Donà presenta il nuovo album deSidera, dedicato al tema del desiderio come motore indispensabile delle nostre vite, ma anche fonte di un incolmabile vuoto, di un’insoddisfazione perenne che porta con sé le sue conseguenze. Dieci canzoni che nascono da un’autoanalisi attraverso la quale si tenta di indagare, alla luce del desiderio, l’attuale condizione umana come riflesso di una somma di scelte e comportamenti individuali. Con lei sul palco, il musicista e produttore Saverio Lanza, che ha curato gli arrangiamenti del disco. Prenota il tuo posto

Sabato 10 settembre

Lo scrittore per ragazzi Luigi Dal Cin presenta Negli occhi di Luna, i falò, il libro ispirato a La luna e i falò scritto in collaborazione con la Fondazione Cesare Pavese e pubblicato quest’anno da Rizzoli. Un romanzo di formazione sulle tracce di Cesare Pavese nato dalla volontà di avvicinare i più giovani ai temi pavesiani, in un rimando continuo tra la storia del protagonista – un Anguilla contemporaneo – e i personaggi, i luoghi e le parole di Pavese. Prenota il tuo posto

Aperitivo a seguire

Il sabato pomeriggio, come da tradizione, il festival si sposta sulle colline di Santo Stefano Belbo, per una passeggiata lungo i sentieri pavesiani ora valorizzati tra gli itinerari del MOM, il Multimedia Outdoor Museum inaugurato durante la scorsa edizione del Pavese Festival. Quest’anno l’itinerario scelto è quello dedicato al Mito, con partenza dall’infopoint di Piazza Umberto I e arrivo sulla collina di Moncucco (lunghezza 6.6 km). Qui i partecipanti potranno gustare una merenda sinoira, accompagnata da un calice di Moscato DOCG e dalla musica dal vivo di Tiziana Cappellino ed Enrico Ciampini, che riproporranno brani della tradizione jazzistica arrangiati per pianoforte e contrabbasso. Prenota

Uno spettacolo di Giulio Graglia in omaggio a Gipo Farassino. Sul palco, Riccardo Forte interpreta un testo inedito dello scrittore e giornalista Bruno Quaranta, depositario per volontà dello chansonnier, dei suoi ricordi e dei suoi ultimi mesi di vita. Lo spettacolo, prodotto da Linguadoc, alterna recitazione, filmati e canzoni live esattamente come se ci fosse Gipo in scena. Lo spettacolo rientra tra gli appuntamenti della XVI edizione del Festival Nazionale Luigi Pirandello e del ‘900. Prenota il tuo posto

Si intitola “VIVERE: un Mestiere secondo Pavese” la performance multimediale ideata da Pino Ninfa e accompagnata da Umberto Petrin al pianoforte, in cui la vita artistica di un fotografo e di un pianista incrociano quella del grande scrittore. Prenota il tuo posto

Dopo una primavera di concerti nei teatri, la data santostefanese chiude la versione estiva del tour in cui Fiorella Mannoia interpreta i brani che hanno contraddistinto la sua carriera, dagli inizi fino all’ultimo album Padroni di Niente. Ad accompagnarla sul palco Diego Corradin alla batteria, Claudio Storniolo al pianoforte e alle tastiere, Luca Visigalli al basso, Max Rosati e Alessandro “DOC” De Crescenzo alle chitarre, e Carlo Di Francesco alle percussioni e alla direzione musicale di tutto lo spettacolo. Acquista il biglietto

Domenica 11 settembre

In Alta Langa, nella chiesa di San Martino a Gorzegno, Claudio Lorenzoni inaugura la mostra This Must Be The Way – The Show, dedicata alla terza fase del progetto multidisciplinare This Must Be, avviato nel 2019 proprio alla Fondazione Cesare Pavese con l’installazione collettiva This Must Be #ThePlace. Nelle diverse tappe di #TheWay, gli interpreti coinvolti – oltre a Lorenzoni, Valentina Cei, Maria Mesiano, Gianpaolo Demartis, Bruno Biddau e Irene Rubiano, Andrea Torelli e Famiglia Rivoltella – sono stati chiamati a trovare il modo di rappresentare, ciascuno con il proprio medium, una parola non scritta, non cantata, non detta, alla ricerca di un filo conduttore comune. In particolare, per la tappa del 16 luglio 2022, Lorenzoni è tornato sulle tracce di Pavese correndo da Ardore (RC) al letto del confino a Brancaleone (RC). Ad accompagnarlo in questa nuova maratona – dedicata al tema dell’amicizia e del viaggio e ispirata ai romanzi La luna e i falò, Il diavolo sulle colline e Il carcere – gli scatti di Maria Mesiano e la scrittura di Valentina Cei. Prenota il tuo posto

Senza ottiche e senza regolazioni, una scatola stenopeica è una scatola trasformata in una macchina fotografica delle origini. Il laboratorio – a cura dell’associazione La scatola gialla di Cuneo – si rivolge ad appassionati e curiosi che vogliono sperimentare questa tecnica: i partecipanti realizzeranno un servizio fotografico per le vie del paese, sviluppando man mano in camera oscura le foto scattate e stendendole ad asciugare all’aperto. Al termine delle sessioni si stamperanno i positivi delle foto migliori. Partenza dalla Biblioteca ragazzi (Biblioteca Civica “Cesare Pavese”, piano terra).

Prenota per la sessione delle 10.30
Prenota per la sessione delle 14.00
Prenota per la sessione delle 16.00

Il Giardino degli Ulivi di Camo – frazione di Santo Stefano Belbo con uno splendido affaccio sulle colline – ospita un incontro dedicato al romanzo turistico sulle nuove rotte di Langa, Impossible Langhe, scritto da Pietro Giovannini e accompagnato dalle fotografie di Maurizio Beucci. Prenota il tuo posto 

Aperitivo a seguire

Per presentare il fortunato romanzo La foglia di fico. Storie di alberi, donne, uomini, finalista al Premio Campiello 2022, l’autore Antonio Pascale racconterà la storia del mondo attraverso le piante nel giardino della cantina Marcalberto, nel centro storico di Santo Stefano Belbo. Le piante sono gli unici organismi che mettono in comunicazione terra e cielo, assorbono sostanza nutritive dalla terra, le portano in alto e grazie alla fotosintesi producono amido e lignina e due sottoprodotti, acqua e ossigeno. Dunque, respirando ossigeno e bevendo acqua, altro non siamo che un sottoprodotto delle piante. Pascale proverà allora a raccontare tutto quello che è importante sapere, sulla natura umana e sul mondo che abbiamo costruito, utilizzando uno strumento d’eccezione che pochi usano: le piante, appunto. Un monologo adatto a famiglie e bambini​​, che si concluderà, per chi vorrà, con dediche personalizzate e botaniche. Prenota il tuo posto

Cantina Marcalberto – via Porta Sottana, 9
Aperitivo a seguire

Un altro graditissimo ritorno, quello di Omar Pedrini, ospite del Pavese Festival per il terzo anno consecutivo. Questa volta il cantautore e storico leader dei Timoria presenta il reading-concerto Anche tu sei l’amore. Sei di sangue e di terra, una selezione di poesie che raccontano la donna di Cesare Pavese nella sua accezione più mitica, lette per l’occasione da Alessandro Haber, cui farà da contrappunto la sua musica. Ad accompagnarlo sul palco, in un trio elettroacustico, Davide Apollo e Simone Zoni. Prenota il tuo posto

Martedì 13 settembre

Una novità di quest’edizione del Pavese Festival è la scelta di inserire all’interno della manifestazione anche un momento di confronto tra istituzioni, esperti e operatori locali sul tema dello sviluppo territoriale a partire dal connubio tra arte, cultura e turismo. Quattro i relatori che interverranno alla tavola rotonda ospitata nel giardino di Casa Cecilia, nel borgo vecchio di Santo Stefano Belbo: Bruno Bertero, direttore dell’Ente Turismo Langhe Roero Monferrato; Massimo Bray, direttore editoriale dell’Enciclopedia Treccani ed ex ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo; Roberta Ceretto, presidente e responsabile comunicazione delle aziende vitivinicole Ceretto; Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, presidente della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.  Prenota il tuo posto

Casa Cecilia – via Marconi, 56

Sarà Alberto Sinigaglia, presidente della giuria del Premio Pavese, ad annunciare i vincitori dell’edizione 2022 che si terrà a Santo Stefano Belbo il 5 e 6 novembre. Cinque le sezioni premiate, a rispecchiare la poliedrica attività di Cesare Pavese: editoria, narrativa, poesia, saggistica e traduzione. 

Casa Cecilia – via Marconi, 56

In occasione di quello che sarebbe stato il compleanno di Ezio Bosso, la Fondazione Cesare Pavese in collaborazione con il festival In Poetica propone una serata di Tafelmusik “alla Bosso”, riportando in Langa un’antica tradizione – quella della musica di accompagnamento a feste e banchetti. La cena, ospitata tra le mura medievali della chiesa sconsacrata dei SS. Giacomo e Cristoforo, prevede che tra i commensali siano presenti alcuni tra i musicisti che sono stati più vicini a Ezio Bosso, i quali, a celebrare la convivialità del momento, punteggeranno la serata di interventi musicali a sorpresa. Con il Quartettozerø – composto da Giacomo Agazzini (violino), Claudia Ravetto (violoncello), Roberta Bua (violino) e Giorgia Lenzo (viola) – Federico Bagnasco (contrabbasso) e Feryanto De Michelis (pianoforte), che proporranno brani dal repertorio di composizioni del Maestro Bosso e loro creazioni. Acquista il biglietto

Sabato 17 settembre

Per l’evento di chiusura della XXII edizione del Pavese Festival Omar Pedrini porta a Brancaleone il suo reading-concerto dedicato alla passione di Pavese per la cultura e la letteratura americana. Pedrini proporrà un inedito parallelo tra il percorso pavesiano e la beat generation, tra “il Middle West e il Piemonte”, per usare le parole usate da Cesare Pavese in La letteratura americana e altri saggi. Un viaggio musicale alla scoperta delle ambientazioni dei grandi narratori americani, da Sherwood Anderson a Hermann Melville passando per Dos Passos e Whitman, Faulkner e Lee Masters: scrittori che hanno narrato l’America dell’industrializzazione e dello spopolamento delle campagne. Quell’America letteraria che per Pavese diventa un contenitore di storie e un ricchissimo laboratorio linguistico ideale per la costruzione del proprio stile e dei propri personaggi. Ad accompagnarlo sul palco, Simone Zoni e Davide Apollo con la partecipazione speciale di Gipeto. Prenota il tuo posto

Tutti gli eventi del Pavese Festival sono gratuiti (prenotazioni a partire da domenica 28 agosto 2022 sulla pagina Eventbrite della Fondazione Cesare Pavese), a eccezione del concerto di Fiorella Mannoia, i cui biglietti sono già in vendita sul sito e nei punti vendita autorizzati TicketOne, oltre che presso la Fondazione Cesare Pavese e della cena-concerto dedicata a Ezio Bosso, i cui biglietti sono in vendita sullo shop della Fondazione. Per l’ingresso agli eventi è sufficiente esibire i biglietti in formato digitale, tranne che per il concerto di Fiorella Mannoia per cui è richiesto il biglietto cartaceo. I cancelli apriranno un’ora prima dell’ora di inizio (alle 20 per Fiorella Mannoia). Tutti gli eventi (a eccezione dei concerti di Donà e Mannoia) saranno inoltre trasmessi in streaming sulla nostra pagina Facebook.

Parcheggi gratuiti in Piazza San Rocco (a 130 m. da Piazza Umberto I e a 400 m. dalla Fondazione Cesare Pavese) e in Piazza Unità d’Italia (a 900 m. da Piazza Umberto I e a 750 m. dalla Fondazione Cesare Pavese).

* * * 

Il Pavese Festival è organizzato con il contributo di Regione Piemonte, Comune di Santo Stefano Belbo, Fondazione CRC, Fondazione CRT, Banca d’Alba, Audi, Cantina sociale Vallebelbo, Tosa Group, in collaborazione con Comune di Brancaleone, Pro Loco di Brancaleone, Associazione La Scatola Gialla, Festival Nazionale Luigi Pirandello e del ‘900, Ponderosa Music & Art, Associazione dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe, Monferrato, Roero, Ente Turismo Langhe, Monferrato, Roero, Ticketone, Associazione Paolo Spinoglio, Museo a Cielo Aperto di Camo, Centro Studi Beppe Fenoglio, inPoetica. Media partner: IVM Multimedia, Radio Alba, Radio Vallebelbo.

Tabui

App ufficiale del Pavese Festival 2022

Facebook
LinkedIn
Twitter
Telegram
WhatsApp
Email