I luoghi pavesiani

Santo Stefano Belbo è lo scenario in cui prende vita l’ultimo romanzo scritto da Cesare Pavese, La Luna e i falò, edito nel 1950. Attraverso un tour dei luoghi pavesiani, è possibile rivivere le vicende del romanzo e ricostruire nel contempo la biografia dello scrittore. La casa in cui è nato, la Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo dove è stato battezzato, la collina di Moncucco, la falegnameria del grande amico Pinolo Scaglione, la Mora, il Nido, il casotto della Gaminella e infine la tomba, nel cimitero di Santo Stefano Belbo.

Se ami camminare e vuoi scoprire le langhe di Cesare Pavese a piedi, oltre alla passeggiata verso la casa natale dello scrittore, ti proponiamo inoltre sei diversi percorsi tra le colline:

  1. Mari del Sud
  2. Stazione – Palazzina del Nido – Casa di Nuto
  3. San Maurizio – Valdivilla
  4.  Seirole – Gaminella
  5. Torre – S. Libera – Cippo dei Caduti
  6. Piacentini – San Grato

La stazione

La stazioncina di Santo Stefano Belbo, da dove arrivano e partono i personaggi pavesiani, è ancora la stessa coi suoi binari.

Scopri di più

Il treno

Il fischio del treno portava la curiosità del mondo oltre le colline e l’inquietudine della fuga: oggi restano la stazione e la ferrata su cui correva.

Scopri di più
Il Belbo

Il Belbo

Il Belbo è il torrente di Santo Stefano Belbo, nelle cui acque allora immacolate si andava a pescare e a fare il bagno: passeggia lungo le sue sponde.

Scopri di più

Casa natale

Sullo “stradone” per Canelli puoi visitare la casa natale di Cesare Pavese, in cui i genitori dello scrittore trascorrevano le villeggiature estive.

Scopri di più

La torre

La torre è ciò che resta del vecchio castello medievale, sopra il centro storico del paese: si può raggiungere a piedi, passeggiando sulla collina.

Scopri di più

La chiesa

Talmente grande da sembrare una cattedrale, dalla sua scalinata il parroco del romanzo pronuncia un infuocato discorso contro i partigiani e i comunisti.

Scopri di più

Il cimitero

Rendi omaggio alla tomba dello scrittore, i cui resti sono stati trasferiti nel cimitero di Santo Stefano Belbo il 7 luglio 2001.

Scopri di più

La Mora

Annunciata da maestosi pini e da un tripudio di fiori, la grande casa padronale della Mora “era come il mondo… era un’America, un porto di mare.”

Scopri di più
Moncucco

Moncucco

Moncucco è la collina de “I mari del Sud”, punto panoramico di Santo Stefano Belbo da cui si domina tutta la valle del Belbo.

Scopri di più

Casa di Nuto

Nuto (al secolo Pinolo Scaglione) è il mediatore tra il mondo del letterato, formatosi in città, e la realtà delle Langhe: visita la sua casa-laboratorio.

Scopri di più

La luna

“Ho rivisto la luna d’agosto tra ontani e canneti / sulle ghiaie del Belbo e riempirsi d’argento / ogni filo di quella corrente.”

Scopri di più

Prenota una visita