I luoghi pavesiani

Santo Stefano Belbo è lo scenario in cui prende vita l’ultimo romanzo scritto da Cesare Pavese, La Luna e i falò, edito nel 1950. Attraverso un tour dei luoghi pavesiani, è possibile rivivere le vicende del libro e ricostruire nel contempo la biografia dello scrittore. La casa in cui è nato, la Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo dove è stato battezzato, la collina di Moncucco, la falegnameria del grande amico Pinolo Scaglione, la Mora, il Nido, il casotto della Gaminella e infine la tomba, nel cimitero di Santo Stefano Belbo. 

In attesa di visitarli di persona, puoi iniziare ad assaporare le atmosfere dei luoghi pavesiani grazie a Io vengo di là, la nostra serie dedicata ad alcuni dei luoghi simbolo della vita e dell’immaginario di Cesare Pavese. 

Scopri l’itinerario: prima stagione – seconda stagione

Riproduci video

E se ami camminare nella natura, non perderti il MOM – Multimedia Outdoor Museum, che verrà inaugurato sabato 11 settembre 2021 durante il Pavese Festival. Un vero e proprio museo del territorio all’aperto che si sviluppa lungo cinque itinerari iconici per esplorare i luoghi, i personaggi e i miti dell’immaginario di Cesare Pavese e della sua terra attraverso in un reticolo di connessioni che si intersecano sovrapponendo la parte reale dei sentieri a quella virtuale dei percorsi digitali. Un modo nuovo di vivere e interpretare il paesaggio tra le colline che circondano Santo Stefano Belbo immersi nella natura e nella cultura di Langhe, Roero e Monferrato.

Guarda il video 

La chiesa

Dalla scalinata della chiesa parrocchiale di Santo Stefano Belbo Anguilla assiste a un accorato discorso del prete contro partigiani e comunisti.

Scopri di più

La Mora

La Mora esiste tuttora: scopri di più sulla grande casa padronale in cui lavorava Anguilla, il protagonista del romanzo “La luna e i falò”.

Scopri di più

La torre

La torre è ciò che resta del vecchio castello medievale, sopra il centro storico del paese: si può raggiungere a piedi, passeggiando sulla collina.

Scopri di più

La stazione

La stazione di Santo Stefano Belbo, oggi non più in funzione, era la porta sul mondo per chi viveva qui ai tempi del romanzo “La luna e i falò”.

Scopri di più
Il Belbo

Il Belbo

Il torrente Belbo separa le due colline di Gaminella e del Salto che fanno da sfondo al romanzo “La luna e i falò”: passeggia lungo le sue sponde.

Scopri di più
Moncucco

Moncucco

Moncucco è la collina de “I mari del Sud”, punto panoramico di Santo Stefano Belbo da cui si domina tutta la valle del Belbo.

Scopri di più

La collina del Salto

Speculare a Gaminella, la collina del Salto costeggia la strada per Canelli. Ai suoi piedi puoi visitare la casa di Nuto, il protagonista de “La luna e i falò”.

Scopri di più

Il cimitero

Rendi omaggio alla tomba dello scrittore, i cui resti sono stati trasferiti nel cimitero di Santo Stefano Belbo il 7 settembre 2002.

Scopri di più

Casa di Nuto

Visita la casa-laboratorio di Pinolo Scaglione, il Nuto del romanzo “La luna e i falò” e protagonista della poesia “I fumatori di carta”.

Scopri di più

Prenota una visita